Torta di mele: dolce inglese o americano?

La torta di mele, tipica soprattutto del periodo autunnale è il dolce più conosciuto e apprezzato un po’ ovunque! Ma quali sono le origini di questa prelibatezza?

crostata-mele-rdbOggi conosciuta in tutto il mondo, la “tartes aux pommes” è nata nel 1300 e si è diffusa prima in Inghilterra come “apple pie”, poi in America come “american pie”. A prescindere dalla sua provenienza, la torta di mele è il dolce che per tutti noi rappresenta al meglio l’ambiente famigliare, la casa.

È curioso evidenziare come la torta di mele sia nata anche a seguito dell’esigenza della gente di conservare più a lungo la frutta, cuocendola, in mancanza dei moderni frigoriferi. Infatti, la frutta, cotta nel forno, veniva messa direttamente sull’impasto. Con il passare del tempo, poi, si prese l’abitudine di sovrapporre sulla frutta un ulteriore strato di pasta.

Un suggerimento per una perfetta torta di mele?

Le Mele Val Venosta, croccanti e succose, conferiranno al vostro dolce quel qualcosa in più che lo renderà decisamente irresistibile!.

La mela rosa

Nel comune di Gualdo Tadino (PG) è stata rinvenuta la pianta madre, diffusa anche in diverse altre zone dell’Umbria della cosiddetta “mela rosa”.

mela rosa

Questo tipo di mela è presente in differenti varianti; si tratta di una varietà che nasce da un albero vigoroso e molto rustico e che fiorisce tardivamente. Il frutto è rotondeggiante e schiacciato ai poli. La buccia è giallo- verdognola, con sfumatura rosa dalla parte del sole, con poche lenticelle evidenti. La polpa è bianca, croccante, dolce e molto profumata, leggermente acidula anche a maturazione.

Si raccoglie i primi dieci giorni di ottobre e si comincia a consumare a dicembre. Questa mela è da considerarsi probabilmente come parte del grande gruppo varietale delle Rosa, che presenta molte variazioni. Un tempo le mele rosa erano preziose e ricercate perché di facile reperibilità e conservazione. Essendo più piccole e schiacciate delle mele comuni la loro coltivazione è stata pian piano abbandonata a favore di qualità più grandi e croccanti.

La mele rosa così come altre antiche varietà di mele resteranno sempre parte integrante della nostra tradizione.

Storia di una mela contesa

La mela, il frutto della passione, ma anche della discordia in grado addirittura di scatenare la guerra di Troia.

Tutto ebbe origine durante un matrimonio celebrato tra gli dei sul monte Olimpo: la dea della discordia, Eris, non era stata invitata per ovvie ragioni e per questo si volle vendicare. Fece cadere sul tavolo del banchetto nuziale una mela d’oro che recava incisa la frase “Alla più bella”. Giunone, la moglie di Zeus ritenne di essere la destinataria e la prese come se fosse suo pieno diritto. Altre due dee presenti alla festa, Atena, dea della sapienza e Afrodite della bellezza la rivendicarono. Fu allora che Zeus, padre degli dei decise che sarebbe stato l’uomo più bello tra gli esseri umani a decidere.

Questi si chiamava Paride ed era il figlio di Priamo, re di Troia. Hermes, il messaggero degli dei accompagnò le tre dee da Paride e gli affidò la mela spiegandogli la situazione. Tutte e tre le dee cercarono di influenzare l’uomo offrendogli tre doni differenti: Giunone gli offrì il dominio dell’intera Asia, Atena gli avrebbe fatto dono della sapienza universale e Afrodite gli promise in sposa la donna più bella.

Paride scelse di premiare Afrodite che gli portò Elena, la moglie del re di Sparta, un’altra potente città della Grecia. Fu così che si scatenò una delle più cruente guerre delle storia, combattuta per il potere, per una donna, ma anche per una mela!

La Mela premonitrice

Questa piccola curiosità trae spunto da una leggenda medievale irlandese.

Nelle tradizioni celtiche, il pomo è un frutto di scienza, di magia e di rivelazione oltre che un nutrimento meraviglioso. In particolare, si crede che la mela sia dotata di un potere premonitore.

Infatti, si narra che durante i festeggiamenti dei matrimoni, nei banchetti lauti e magnificenti figuri sempre un vaso d’acqua pieno di mele. Si tratta di una vera e propria pratica divinatoria: l’immersione delle mele,

La prima persona che riuscirà a  mordere uno di questi splendidi e succosi frutti, si sposerà l’anno successivo. E adesso, funziona ancora così?!

Un vulcano di sapori: la Fuji!

Chiudiamo l’anno con una mela dal sapore orientale: la Fuji. Questa eccezionale varietà nacque infatti in Giappone nel lontano 1939, da un incrocio tra Rall’s Janet e Delicious.
Da queste due mele ha ricevuto una fantastica eredità: la Fuji risulta essere dolce, aromatica e molto succosa.  Il colore va dal rosa al rosso scuro e la polpa è fine, consistente e croccante.  Una mela ricca di fruttosio che può addirittura presentare una leggera cristallizzazione proprio per l’alto contenuto zuccherino.  La forma è tondeggiante e la buccia è fine.
Grazie alla sua incredibile dolcezza, la Fuji risulta particolarmente indicata nella preparazione delle torte.

Nonostante le sue origini asiatiche ve la vogliamo proporre in un piatto decisamente europeo:   Lo strudel di mele con pasta frolla alla ricotta. Scoprite la ricetta per questo straordinario dolce cliccando qui.

Cogliamo l’occasione per augurarvi uno splendido 2014 da tutta Crocville!